L'ISVAP (Istituto per la vigilanza delle assicurazioni private e di interesse collettivo)invita le compagnie di assicurazione a recepire la convenzione ONU sulle persone disabili richamando le imprese "ad un sollecito adeguamento delle proprie polizze malattia alle prescrizioni della normativa sopra richiamata, eliminando dalle condizioni generali le disposizioni che pregiudizialmente collocano i malati di mente tra le “persone non assicurabili”, e prevedendo nel contempo la possibiltà di accedere a coperture assicurative ai soggetti portatori di handicap mentali o che assumono farmaci psicoptropi a scopo terapeutico"

L'ISVAP (Istituto per la vigilanza delle assicurazioni private e di interesse collettivo)invita le compagnie di assicurazione a recepire la convenzione ONU sulle persone disabili richamando le imprese "ad un sollecito adeguamento delle proprie polizze malattia alle prescrizioni della normativa sopra richiamata, eliminando dalle condizioni generali le disposizioni che pregiudizialmente collocano i malati di mente tra le “persone non assicurabili”, e prevedendo nel contempo la possibiltà di accedere a coperture assicurative ai soggetti portatori di handicap mentali o che assumono farmaci psicoptropi a scopo terapeutico"