Progetti

 

Hanno provato a seppellirci, ma quello che non sapevano è che eravamo semi (Wangari Muta Maathai, Premio Nobel per la Pace 2004, da 'Salvarsi con il verde'  Andrea Mati, Giunti)

Esiste un fazzoletto di terra in uno dei luoghi più incantevoli della collina di Moncalieri, più precisamente al numero civico 34 di strada Castelvecchio: è una terrazza naturale di 3.000 mq affacciata sulla catena delle Alpi sino al Monviso, circondata da belle case e da una natura rigogliosa e virtuosa.

Non è un caso, infatti, che la collina di Moncalieri sia stata dichiarata Riserva della Biosfera UNESCO (Unesco Man and Biosphere Reserve).

Su questo fazzoletto di terra Autismo e Società Onlus, con il contributo della Città di Torino e della Regione Piemonte, in collaborazione con Croce Rossa Italiana, le Associazioni Diramarsi e Kòres, l’azienda agricola RAM - Radici a Moncalieri e il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) dell’Università degli Studi di Torino, con la consulenza di Giardini Mati di Pistoia e Illumen Atelier di Valentina Maffeo, avvierà il progetto di rigenerazione umana e ambientale ColtivAbile.

Il Progetto prevede la suddivisione del terreno per aree tematiche, ciascuna delle quali avrà una destinazione specifica: orto, frutteto, vigneto, floricoltura/botanica, svago/eventi.

Altre due zone verranno specificamente destinate a particolari percorsi terapeutici già sperimentati con successo da Giardini Mati con i  Giardini per Disturbi dello Spettro Autistico:  “nicchie verdi” dove le persone autistiche potranno rifugiarsi e trovare serenità e tranquillità dalle loro tensioni e/o iperstimolazioni, una protezione e un aiuto a ridurre l’ansia, lo stress, i comportamenti problema.

Lo scopo di ColtivAbile è quello di creare una grande isola dove si integrano opportunità di lavoro e percorsi terapeutici per le persone autistiche unitamente a iniziative didattiche per le scuole, eventi a tema e aree per il tempo libero aperte al pubblico.

Protagonista e prezioso alleato sarà il Verde, attraverso tutte le sue declinazioni e destinazioni possibili. Verde cui ormai numerosi studi conferiscono proprietà terapeutiche e rigenerative eccezionali, a cui in questo caso, si uniranno i benefici dell’integrazione tra le persone autistiche e quelle che, per diversi motivi, frequenteranno l’area.

ColtivAbile sarà una piccola agorà immersa nel verde, uno spazio aperto e facilmente accessibile,  ‘naturalmente’ predisposto all’aggregazione e alla socializzazione.

Recuperando quella che era inizialmente la vocazione agricola del terreno, verrà impiantato un vigneto che sarà affiancato da un frutteto (in parte già predisposto), da un orto terapeutico e da un’area adibita alla coltivazione di piante officinali.

I prodotti avranno dei canali di vendita diretta o attraverso piccoli mercatini o altre iniziative commerciali/promozionali.

Verranno inoltre create tre aree circoscritte da grandi gazebo: una da destinare alla formazione delle persone autistiche e le altre due al relax, ai momenti conviviali e agli eventi collaterali rivolti al pubblico e alle scuole: incontri, presentazioni, didattica….

Il Coordinatore di ColtivAbile seguirà e supervisionerà tutte le attività affiancato, di volta in volta, dal giardiniere, dal consulente botanico, dall’enologo e si occuperà di organizzare e rendere disponibili le attività lavorative per i ragazzi.

Le attività lavorative saranno (volutamente) numerose e diversificate e richiederanno un grande apporto di risorse e manualità: si potranno impiegare molti ragazzi cui verranno affidate mansioni semplici  o più complesse a seconda del grado di capacità e disponibilità.

Verrà predisposto un Mansionario contenente tutte le attività necessarie e le modalità per svolgerle: questo documento verrà messo a disposizione dei futuri lavoratori e darà l’idea di quelle che potranno essere le attività disponibili e le modalità per realizzarle. Saranno poi i ragazzi e/o i loro educatori a individuare quali fare, con quali tempi e modi.

Saranno altresì attivati percorsi lavorativi supportati da tirocini, borse, PASS…

L’obiettivo di ColtivAbile è quello di offrire a TUTTE le persone autistiche e/o con disabilità intellettiva, anche e soprattutto a quelle con problematiche più complesse, opportunità lavorative od occupazionali integrative alla frequentazione di centri diurni e/o residenziali.

ColtivAbile si rivolge dunque ad un’utenza trasversale di età e funzionamenti che parteciperà alle attività lavorative secondo le proprie possibilità e disponibilità, in modo autonomo o con l’ausilio del proprio educatore. L’agricoltura, la botanica, sono attività che possono essere svolte anche senza avere iniziali competenze particolari, ma imparando via via attraverso l’esperienza diretta ‘sul campo’.

Con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) dell’Università degli Studi di Torino si avvierà un’attività di didattica e di ricerca volta alla sperimentazione del verde terapeutico ed il suo ruolo sul benessere psicofisico in persone nello spettro autistico coinvolte nel Progetto.

 

Per informazioni:

Autismo e Società Onlus 336 883148

 

 

 
Autismo e società

Autismo e Società Onlus

Sede legale: Via Condove 24 - 10129 Torino Piemonte
C.F. 97740800012
Ph +39 336 883148

www.autismoesocieta.org
info@autismoesocieta.org

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per prendere visione del trattamento di altri dati da noi raccolti, consulta la nostra Privacy policy & cookie law OK